Per praticare il Katsugen undo (Movimento rigeneratore) nel nostro dojo è necessario cominciare con uno stage o con un momento introduttivo specifico. Questo per favorire una buona comprensione iniziale e un approccio non superficiale alla pratica.
Gli stage, condotti da Giovanni Frova, sono rivolti ai principianti che desiderano incontrare il katsugen undo e possono risultare un utile e necessario momento di approfondimento per i praticanti esperti.
Durante lo stage, per partecipare al quale non è necessaria alcuna conoscenza preliminare o attitudine particolare, ci sarà un’introduzione alla pratica di yuki (espirazione concentrata).          Per orari e tariffe, fare riferimento ad ogni singolo stage. Le iscrizioni hanno luogo entro il primo giorno di stage. Una pre iscrizione o una segnalazione della vostra intenzione di partecipare tramite email o telefono sono necessarie. Stage di Milano, febbraio 2015 Stage
animati da Giovanni Frova news testi home          aikido tracce naturali katsugen undo pratica regolare yuki haruchika noguchi itsuo tsuda immagini giovanni frova
STAGE MILANO di Katsugen undo
 
 
“Uno stage che dura più giorni, perché?
A prima vista la cosa appare anche un po’ strana.
Il ritmo dello stage si accompagna alla vita quotidiana.
La mattina presto, inizio giornata, l’Aikido.
La sera, fine giornata, il movimento rigeneratore.
In mezzo tante ore vuote, il ‘Ma’, terreno potenziale.
Ore perse?
 
Non sarebbe stato meglio concentrare le ore di pratica in uno o due giorni soli?
A ben vedere, c’è una grande differenza tra uno stage lungo e uno corto.
Nell’arco di più giorni, qualcosa continua ad agire in noi anche nei momenti in cui non si pratica o ci si dedica ad altro.
 
E’ il lavoro dell’inconscio e nell’inconscio: avviene anche nostro malgrado.
E’ il lavoro più importante, quello che lascia delle tracce, quello che si accompagna a un respiro quieto e profondo.
Il tempo stesso, nel silenzio, agisce ed ha un effetto; non solo le cose che ‘facciamo’.
Un ritmo lento ritrovato favorisce la distensione e la manifestazione del movimento naturale e spontaneo durante la pratica. La fretta, l’agitazione, l’eccesso di attivismo senza dubbio sono condizioni che lo ostacolano.
 
La mente talvolta stenta a seguire, preoccupata dal bisogno di ottenere risultati immediati e rapidi ma il corpo respira sollevato se riusciamo a concedergli qualche ora inutile.
Qualche minuto di concentrazione e distensione, di piacere semplice, di vita che scorre.  
Qualche istante di sensibilità normale, di ascolto, di riposo effettivo.
 
Che il ‘troppo pieno’ sia la causa del nostro malessere lo sentiamo istintivamente.
Ecco perché un ‘buono stage’ è uno stage che svuota.
Ne usciamo meno ingombri, più svegli, più freschi.
Itsuo Tsuda chiamava questa pratica ‘la Via della spoliazione’.
Lasciar partire ciò che è inutile, lasciar fare alla saggezza del corpo questo lavoro di pulizia interiore.
Qualcuno ha deciso di praticare in questo senso.
Ecco una decisione che mi sento di condividere appieno!”
 
Giovanni
 
   Akeleinaa Dojo    Movimento day
seduta aperta di Katsugen undo
Domenica 2 dicembre 2018

  Stage di più giorni:

Milano dal 19 ott al 21 ott 2018
Toulouse dal 7 al 9 dicembre 2018
Milano dal 14 al 16 dicembre 2018
Milano dal 7 al 10 febbraio 2019
Toulouse dal 29 al 31 marzo 2019
Milano dal 12 al 14 aprile 2019
Stage di Pratolungo
Lago D’Orta
dal 6 al 9 giugno 2019

ku stage_files/LOC-OMPIO-19-def-2.jpgku stage_files/STAGE%20OMPIO_IT%281%29.pdf